Questo sito utilizza cookie per gestire, personalizzare e ottimizzare la Vostra esperienza di navigazione del sito, rispettando la privacy dei dati personali e secondo le norme vigenti. Proseguendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni Vi invitiamo a consultare la pagina relativa all’informativa.

 CICLO COMBUSTIONE

05 320 Sch combust V
  1. Coperchio accesso vano di carico
  2. Vano di carico combustibile
  3. Feritoie distribuzione aria primaria
  4. Presa frontale aria comburente
  5. Feritoia passaggio fiamma e gas della gassificazione
  6. Camera di combustione in refrattario
  7. Condotti laterali alla camera di combustione (2° giro fumi)
  8. Sportello accesso camera combustione
  9. Camera pre-riscaldo aria comburente
  10. Feritoie distribuzione aria secondaria

Il carico della legna pezzata da 35cm avviene dallo sportello superiore (pos.1) e dopo averla ordinatamente posizionata nel vano di carico (pos.2) si procede all’accensione tramite lo sportello della camera di combustione (pos.8) appiccando il fuoco alla carta o al cubetto accenditore precedente posizionato, nelle vicinanze della feritoia (pos.5), prima di eseguire il carico. La fiamma sviluppandosi in verticale incendia il combustibile posto superiormente nel vano di carico dando inizio al processo di trasformazione termochimica.
Per effetto della depressione che viene creata in caldaia dal ventilatore aspirante posizionato posteriormente i gas sono costretti a defluire attraverso la feritoia (pos.5), in camera di combustione (pos.6) dove vengono incendiati a loro volta sviluppando altissime temperature.
Per iniziare il processo di combustione l’aria comburente, primaria (frecce di flusso verdi) e secondaria (frecce di flusso blu), entra dalla valvola a saracinesca mobile (pos.4) posizionata sul fronte della caldaia. L’aria comburente viene fatta defluire in una camera di preriscaldamento (pos.9), posta tra gli scambiatori intermedi, sopra alla camera di combustione (pos.6), e l’imbuto inferiore del vano di carico. L’aria primaria così preriscaldata viene convogliata alle feritoie di distribuzione (pos.3), mentre l’aria secondaria viene convogliata sul perimetro della feritoia di giunzione con la camera di combustione (pos. 10)
I gas di scarico sviluppatisi dopo la combustione (frecce di flusso giallo/rosse), sempre per depressione, defluiscono attraverso i condotti laterali (pos.7) posti a fianco della camera di combustione (secondo giro fumi) per essere avviati agli scambiatori verticali a piastra posti posteriormente, dove scambiamo il calore rimanente con le grandi superfici del condotto (terzo giro fumi).
Da qui, i fumi ormai raffreddati e poveri di sostanze inquinanti, transitano attraverso il ventilatore posteriore per essere definitivamente espulsi dalla canna fumaria.