Questo sito utilizza cookie per gestire, personalizzare e ottimizzare la Vostra esperienza di navigazione del sito, rispettando la privacy dei dati personali e secondo le norme vigenti. Proseguendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni Vi invitiamo a consultare la pagina relativa all’informativa.

 CICLO COMBUSTIONE

EDER Biovent C - Ciclo di combustione
  1. Scheda madre e morsettiera elettrica
  2. Unità elettronica e display digitale gestione e controllo sistema
  3. Convogliatore aspirazione rapida fumi durante il carico legna
  4. Sportello carico combustibile
  5. Vano di carico legna pezzata da 50cm
  6. Sonda temperatura camera di combustione (Opzionale)
  7. Camera di combustione termodinamica in refrattario
  8. Sportello di rivestimento esterno termoisolato
  9. Vano raccolta fuliggine
  10. Diffusore fiamma inversa
  11. Terzo giro fumi con turbolatore pulizia scambiatori verticali
  12. Isolamento termico a cappotto di forte spessore
  13. Intercapedini scambiatori d'acqua
  14. Ventilatore automatico d’aspirazione
  15. Rivestimento termoisolante superiore

La legna viene caricata nell’apposito vano (pos.5) mantenendo le fibre lignee parallele alla camera di combustione (pos.7); ad innesco avvenuto, i gas sprigionati dalla pirolisi vengono indotti, per mezzo di un ventilatore aspirante (pos.14), a migrare, attraverso la feritoia (pos10), nella parte sottostante il vano di carico dove si trova la camera di combustione (pos.7). In questa seconda camera, completamente in materiale refrattario ad alta resistenza termomeccanica, i gas vengono miscelati con l’aria secondaria producendo, dopo la loro combustione, un’ingente quantità di calore che può raggiungere temperature superiori ai 1000÷1100°C. Questo elevato livello di temperatura impone alle caldaie di qualità di avere la camera di combustione rivestita di materiale refrattario al fine di evitare deformazioni strutturali del corpo caldaia. I gas di scarico prodotti dalla combustione vengono, a questo punto, fatti defluire, sempre per depressione, attraverso la camera laterale (pos.11) dove vengono rallentati dai turbolatori per aumentarne il tempo di permanenza e permettere così la cessione della maggior quantità possibile di calore all’acqua contenuta nelle pareti della struttura (pos.13); solo dopo lo scambio termico i fumi, raffreddati e con percentuali di gas inquinanti e polveri bassissime, vengono espulsi in canna fumaria.